evenepoel-cyclingtime

di Ettore Ferrari

Remco Evenepoel parte subito col piede giusto, firmando la vittoria nella prima tappa della 73esima Volta a la Comunitat Valenciana (o Vuelta Valenciana). Il belga, all’esordio stagionale, ha piazzato la botta risolutiva ai -4,7 e per tutti si è spenta la luce.

Sterile dominio della Movistar e della Bahrain – Tappa impegnativa da Les Alqueries a Torralba del Pinar (166,7 km) con 4 GPM e un continuo sali e scendi, ultima asperità ai -3. La corsa è controllata dalle squadre dei favoriti. Ai -10 in testa c’è la la Quick-Step Alpha Vinyl, che lavora per Remco Evenepoel. Prima di affrontare l’ultima salita, prende in mano la situazione la Bahrain-Victorious: Pello Bilbao, Jan Tratnik, Dylan Teuns e Matej Mohoric. Il gruppo si assottiglia con la strada che sale sotto le ruote. Ai -6 è la volta della Movistar, che aveva lavorato anche in precedenza, con Mas e Valverde in rampa di lancio.

Evenepoel, un colpo e via! – Enric Mas va in testa, poi parte un uomo della Trek, Antwan Tolhoek. Il gruppo esplode, un attimo di incertezza poi Evenepoel piazza un allungo dei suoi (-4,7). Il belga se ne va per manifesta superiorità, sempre seduto, si volta parecchie volte, ma nessuno riesce a contrastarlo. Solamente Alexsandr Vlasov tenta invano di rientrare, ma si intuisce subito che al massimo porterà a casa la seconda moneta. Remco passa in testa al GPM e si tuffa nella breve discesa che porta all’arrivo, dove giunge solitario a braccia alzate. Vlasov è il primo dei battuti con un ritardo di 16″; a 31″ il giovanissimo spagnolo (21 anni oggi) Carlos Rodriguez della Ineos, poi a 32″ Enric Mas precede Luis Leon Sanchez (esordio in maglia Bahrain per il veterano spagnolo), Tolhoek, Valverde e Fuglsang, quindi Mohoric a 42″, chiude la top-10 David De La Cruz a 53″. Primo degli italiani Giulio Ciccone, 15° a 1’24” in un plotoncino comprendente anche Vincenzo Nibali.

Favorito per il successo finale – Per il fenomeno belga non poteva esserci migliore inizio per la sua quarta stagione da professionista. Quella di oggi è già la vittoria n. 23 da pro’ (la quarta in terra di Spagna, dopo la Clasica San Sebastian 2019 e 1 tappa e la classifica finale della Vuelta a Burgos 2020).

Di Ettore Ferrari

Sono nato a Catania il 14 aprile 1971. In redazione dicono sempre che sono troppo preciso, da qui il nomignolo "nessun capello fuori posto". Sono la "Memoria storica" del ciclismo.