roglic-cyclingtime

di Ettore Ferrari

Con un’irresistibile progressione nell’arrivo in lieve ascesa della quarta tappa, Primoz Roglic mette tutti in fila e porta a casa tappa e maglia. Quarto cambio al vertice in altrettante tappe: dopo Gesink, Teunissen e Affini è la volta del capitano della Jumbo-Visma ad indossare le insegne del primato. Per il fuoriclasse sloveno, la corsa al poker consecutivo è appena iniziata, ma ha già fatto capire a tutti che l’uomo da battere è ancora e sempre lui.

Si torna in Spagna – Dopo la tre giorni nei Paesi Bassi e il riposo, la Vuelta riparte dai propri confini con una tappa impegnativa. Da Vitoria-Gasteiz a Laguardia con l’ultimo chilometro in ascesa, dopo diversi strappi. Dopo una fuga con Lutsenko e altri, la corsa viene controllata dalla Jumbo-Visma prima di affrontare il Puerto de Herrera, GPM ai -15.

La prima stoccata di Roglic in cima al GPM – Lo sloveno, grande favorito per la corsa al quarto successo consecutivo, sembra completamente ristabilito dalla caduta al Tour de France. Proprio in cima allo strappo prova un velleitario allungo il campione del mondo Julian Alaphilippe (non un rivale diretto dello sloveno per la vittoria finale) e chi salta sulla sua ruota? Proprio lui, l’ex saltatore con gli sci lo riprende e lo supera agevolmente sotto lo striscione del gran premio della montagna, andandosi a prendere 3″ di abbuono. La carovana è avvisata!

… E la seconda all’arrivo – Tuffo in discesa per arrivare agli ultimi 1000 metri che portano al traguardo. La Movistar prova a lanciare l’eterno Valverde, ma il campione del mondo di Innsbruck non ha lo smalto dei giorni migliori e salta completamente prima che venga lanciata la volata. Resta davanti, invece, Enric Mas (secondo nella passata stagione a Madrid). Momento di incertezza, prima della progressione fantastica di Roglic. Il campione della Jumbo prende la testa del gruppo allungato e non la molla più (prendendosi pure i 10″ di abbuono), precedendo un certo Mads Pedersen, uno che in quanto a velocità è tra i migliori al mondo. Terzo podio consecutivo per l’ex iridato: sempre secondo, nella seconda e nella terza tappa in Olanda (sempre alle spalle di Sam Bennett). Buon terzo Mas, poi Quentin Pacher, Sivakov, O’Connor, Hayter, Evenepoel, Kelderman e Hindley a chiudere la top-10.

Di Ettore Ferrari

Sono nato a Catania il 14 aprile 1971. In redazione dicono sempre che sono troppo preciso, da qui il nomignolo "nessun capello fuori posto". Sono la "Memoria storica" del ciclismo.

13 pensiero su “Roglic mette le cose in chiaro”
  1. coba join kedalam laman judi pkv games dengan bandar dommino serta bandarq online terbaik sepanjang masa yang teoah tersedia pafa tahun 2023 ini dengan akun ⲣro jackpot terbaikk yng bisa kalian peroleh dengan menerapkan sebagian akkun yang kalian daftarkan dii dalam sini ԁan kalian juga bisa memiliki kemungkinan untuk menerima seluruh keuntungan dari sistem pengisian deposit ѵia pulsa
    yang tak dapat kalian peroleh ԁі web web judi pkv games, bandarqq ataupun pojerqq online yang
    lainnya yang ada ⅾi dunia maya ketika ini.

    Аlso visit my ρage: qq online

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *