Home / Professionisti / Lo squillo di van der Poel alla Dwars Door Vlaanderen
van-der-poel-cyclingtime

Lo squillo di van der Poel alla Dwars Door Vlaanderen

di Giuseppe Girolamo

Al debutto stagionale aveva già lanciato un primo segnale chiudendo la Milano Sanremo al terzo posto. Poi il primo successo del 2022 nella quarta tappa della Settimana Coppi e Bartali. Adesso lo squillo fragoroso alla Dwars Door Vlaanderen. Un successo alla Mathieu van der Poel, ottenuto attaccando lontanissimo dal traguardo, portando via un gruppetto e alla fine avvantaggiandosi con Tiesj Benoot, vittima sacrificale del portacolori della Alpecin Fenix in una volata senza storia. Tutto questo sulle strade del Belgio, a pochi giorni dal Giro delle Fiandre.

Fiandre – Van der Poel alla gara dei muri sarà uno dei grandi favoriti, alla pari del suo grande rivale Wout Van Aert. Alle loro spalle spicca il nome di Tadej Pogacar. Lo sloveno attardato da una caduta non ha potuto giocarsi al meglio le proprie carte alla Dwars Door Vlaanderen, ma la condizione è buona e già alla sua prima partecipazione al Giro delle Fiandre vorrà lasciare il segno. Così come è pronto alla sfida Tom Pidcock. Ottimo terzo alle spalle di van der Poel e Benoot. Il britannico della Ineos Grenadiers ha avuto ottime sensazioni e al Giro delle Fiandre vorrà riproporre le sfide già affrontate nel ciclocross con van der Poel e Van Aert.

Pubblico – Sarà un Giro delle Fiandre spettacolare, dunque. Il ciclismo è pronto a vivere un’ennesima pagina entusiasmante. A contorno di tutto questo ci sarà il ritorno del pubblico, assente nelle ultime edizioni a causa dei protocolli sanitari dovuti alle restrizioni Covid. Sarà proprio il pubblico, assiepato lungo le rampe terribili delle Fiandre a rendere la gara unica e particolare. Perché è verissimo: la gara la fanno i corridori, ma è altrettanto vero che il publlico del Giro delle Fiandre è storia. Per i Belgi è la corsa, quasi un rito religioso.

x

Check Also

ganna_cyclingtime

Ganna cala il tris “tricolore”

Il portacolori della Ineos Grenadiers ha conquistato il suo terzo titolo italiano a cronometro