Home / Grandi giri / Tour de France / Cavendish fa 31!
cavendish-cyclingtime

Cavendish fa 31!

di Ettore Ferrari

Mark Cavendish torna al successo sulle strade del Tour. Con una volata strepitosa il vecchio campione conquista la 31esima perla sulle strade della Grande Boucle, Merckx non è lontanissimo a quota 34. Mathieu Van der Poel sempre maglia gialla.

Finalmente niente cadute – Dopo la lunga serie di cadute nelle prime tre giornate di corsa, non annotiamo i disastri delle tappe precedenti. Via da Redun per l’ultima frazione in terra di Bretagna con arrivo, dopo 150,4 km, a Fougères. Dopo appena 3 km dal via evadono Pierre-Luc Perichon e Brent Van Moer. La fuga caratterizza tutta la tappa, anche perché il gruppo pensa alla volata. A 13 km dal termine, Perichon viene ripreso e davanti rimane Van Moer. L’alfiere della Lotto Soudal lotta come un leone fin sotto il traguardo. Il giovane belga (classe 1998) resiste al ritorno del plotone, che si avvicina ma non troppo.

Le lacrime di gioia del redivivo Cannonball – Sotto lo striscione degli ultimi 1000 metri, Van Moer conserva ancora un buon margine, ma il gruppo recupera aiutato da una strada che tende a salire lievemente. Il sogno del fuggitivo svanisce a meno di 200 metri dalla gloria. Jasper Philipsen lancia la volata, ma dietro di lui si affaccia un vecchio guerriero degli sprint: Mark Cavendish! L’ex iridato rimane accucciato a ruota, viene pure involontariamente ostacolato da Van Moer nel momento in cui il fuggitivo viene agganciato, e poi scatena il suo proverbiale rush negli ultimi 100 metri rimontando e superando Philipsen. Cavendish è primo! Dopo 5 lunghi anni torna a vincere una tappa al Tour de France e, più in generale, in un GT. Battuti Nacer Bouhanni, Philipsen, Michael Matthews e Peter Sagan. Le lacrime cadono copiosamente sul suo viso rotto da un’emozione incredibile. Ricordiamo che meno di un anno fa il nativo dell’Isola di Man era ad un passo dal ritiro. Poi, quel vecchio marpione di Lefevere lo ha recuperato nello spirito prima ancora del fisico, e il resto è storia di questi ultimi 2 mesi. Prima rompe il ghiaccio al Tour of Turkey, tornando al successo dopo oltre 3 anni, e da quel momento non si ferma visto che nella corsa a tappe turca si impone in ben 4 tappe. Poche settimane fa, vince 1 tappa al Giro del Belgio e adesso il Tour, dopo una convocazione insperata (la prima scelta era Sam Bennett, ma l’irlandese ha dato forfait per guai fisici, non “digeriti” da Lefevere).

Cavendish nell’olimpo: 49 tappe nei Grandi Giri! – Dal primo successo (a Catanzaro, quarta tappa del Giro d’Italia 2008) ne è passato di tempo e Cavendish è stato per anni l’incontrastato numero 1 al mondo della velocità, poi il declino e oggi questa incredibile risurrezione che gli consente di staccare Alessandro Petacchi e toccare quota 49 successi (31 al Tour, 15 al Giro e 3 alla Vuelta) nelle corse a tappe più importanti. Nella classifica dei plurivittoriosi assoluti, “Cav” consolida il terzo gradino sul podio alle spalle dell’inavvicinabile Eddy Merckx (64) e di Mario Cipollini (57). Ma da oggi il record di 34 tappe al Tour del “cannibale” è più vicino.

x

Check Also

Il sigillo di Vingegaard ad Hautacam

La maglia gialla conquista l'ultima vetta pirenaica del Tour 2022 e mette in cassaforte la vittoria finale