Home / Mountain Bike / Van der Poel inarrestabile anche a Lenzerheide

Van der Poel inarrestabile anche a Lenzerheide

Un’altra impressionante dimostrazione di forza di Mathieu Van der Poel, quella andata in scena a Lenzerheide (Svizzera), dove si è imposto davanti ai padroni di casa Nino Schurter e Mathias Flueckiger, che nulla hanno potuto di fronte alle accelerazioni del campione europeo.

Nello “start lap” è subito, neanche a dirlo, MVDP a fare il ritmo nel tratto iniziale in salita portandosi dietro Avancini e Schurter, provando a fare la differenza sin dai primi metri di gara. Alle loro spalle si forma un quartetto con Carod, Koretsky, Litscher e Sintsov. L’azzurro Nadir Colledani naviga in decima posizione.

Al termine del primo giro si ricompattano tutti i migliori davanti ed allora è Schurter a provare a fare la differenza nell’ascesa ad inizio tornata. La selezione avviene ed insieme a lui vanno via Van der Poel, Avancini ed un brillante Flueckiger che ricompare da dietro dopo una partenza con le marce basse.

Subito dopo il passaggio sulla linea del traguardo, azione fotocopia di Nino Schurter rispetto alla tornata precedente attaccando ancora in salita, nello stesso identico punto rispetto a quanto visto pochi minuti prima. Questa volta resta alla sua ruota il solo MVDP con Avancini e Flueckiger che perdono irrimediabilmente terreno. Nel frattempo, Gerard Kerschbaumer risale fino al sesto posto dopo esser rimasto nelle retrovie nella battute iniziali, con Luca Braidot e Nadir Colledani a completare la top ten parziale.

La situazione nel quarto giro non cambia con la due coppie al comando distanziate di 1′ ed un quartetto comprendente Kerschbaumer, Koretsky, Tempier e Carod 30″ più indietro.

Ma è nel quinto giro che arriva l’attacco decisivo del campione europeo: Van der Poel attacca in modo perentorio staccando Nino Schurter in salita. Pendenze che paga anche Avancini che va in crisi, perdendo le ruote di Flueckiger, venendo prima raggiunto e poi superato dal quartetto inseguitore. Al termine del giro MVDP ha 16″ di vantaggio su Schurter ed 1’10 su Flueckiger. Il “gruppo Kerschbaumer” passa sulla linea del traguardo ad 1’52”

Nella sesta tornata Van der Poel aumenta progressivamente il suo vantaggio sull’iridato Schurter e termina la prova con le braccia al cielo per le terza volta consecutiva dopo l’Europeo di Brno e la prova di CdM in Val di Sole. Flueckiger è terzo ad 1’13” mentre, per la quarta piazza, lunga volata tra due maglie tricolori con il campione francese Korestky ad avere la meglio su Kerschbaumer. Altri due transalpini dietro di lui ovvero Tempier e Carod con Fumic a precedere un ottimo Luca Braidot, nono all’arrivo. Avancini difende la decima posizione dalla rimonta di Nadir Colledani e Daniele Braidot che chiudono, rispettivamente, undicesimo e dodicesimo suggellando così una straordinaria prova degli azzurri. Complessivamente, i nostri sono apparsi in crescendo di condizione, cosa che fa ben sperare in vista del Mondiale.

Nella classifica di CdM guida ancora Nino Schurter con 1670 punti. Il campione del mondo mantiene la vetta per soli 21 punti di vantaggio su Van der Poel quando manca all’appello soltanto la prova di SnowShoe (USA). Il condizionale è d’obbligo ma, visti gli impegni su strada in vista del Mondiale nello Yorkshire, il neerlandese non dovrebbe prender parte alla gara.

Nella prova femminile torna al successo la campionessa olimpica Jenny Rissveds. La svedese sembra aver messo alle spalle i problemi che l’hanno accompagnata nell’ultimo periodo dominando in terra svizzera. In seconda posizione troviamo un’ottima Anne Terpstra che ha preceduto la francese Pauline Ferrand-Prevot. Crolla nella seconda parte l’attesissima padrona di gara Jolanda Neff che ha terminato la sua prova in ottava posizione, immediatamente dietro la statunitense in maglia iridata Kate Courtney. Chiara Teocchi, con il suo sedicesimo posto, è la prima italiana al traguardo. Ventitreesima Eva Lechner.

In CdM, Jolanda Neff in testa con 1625 punti davanti a Kate Courtney a quota 1552. Ferrand-Prevot, terza con 1225 punti, tagliata fuori dalla lotta per la vittoria finale.

Da segnalare il successo dell’azzurra Martina Berta nella prova riservata alle Under 23.

Seguici e condividi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*