Home / Professionisti / Spazio alle sovrapposizioni per salvare il salvabile
giro d'Italia

Spazio alle sovrapposizioni per salvare il salvabile

L’Unione Ciclistica Internazionale ha diramato il calendario 2020 delle gare World Tour. Molte le sovrapposizioni tra i vari avvenimenti, cosa, questa, inevitabile vista la ristrettezza dei tempi. Per quanto riguarda le manifestazioni organizzate dal gruppo RCS Sport solo la Strade Bianche (1 agosto) non avrà accavallamenti con altre gare. La Milano Sanremo in programma l’8 agosto si correrà in concomitanza con il Tour de Pologne (5 – 9 agosto), mentre l’altra Classica italiana, il Giro di Lombardia, in programma il 31 ottobre,  si sovrapporrà alla Vuelta a Espana (20 ottobre – 8 novembre). La Tirreno Adriatico (7 – 14 settembre) si correrà in contemporanea col Tour de France (29 agosto – 20 settembre). Il Giro d’Italia – in programma dal 3 al 25 ottobre – dodrà condividere alcune date con tre Classiche monumento: Liegi Bastogne Liegi (4 ottobre), Giro delle Fiandre (18 ottobre), Parigi Roubaix (25 ottobre). La corsa rosa non partirà da Budapest come inizialmente programmato, ma dalla Sicila.

Comunicato – “La pubblicazione del calendario da parte dell’UCI è un importante passo in avanti che certamente aiuterà tutte le realtà coinvolte a riprogrammare la stagione – si legge nel comunicato diramato da RCS Sport – È il frutto di un lungo lavoro che, come mai prima, ha visto il coinvolgimento di istituzioni, organizzazioni, squadre e di chi a diverso titolo ha dato il proprio contributo a questa non semplice scelta. Per salvaguardare l’importante patrimonio delle corse ciclistiche e mantenerle vive si è dovuto fare qualche sacrificio anche considerando il breve arco temporale all’interno del quale si potevano inserire tutte le corse della stagione. Abbiamo fatto una serie di proposte alternative che a nostro giudizio avrebbero limitato alcune sovrapposizioni di calendario. Queste proposte non sono state recepite. Riteniamo comunque questo risultato importante per la ripartenza, soprattutto in questo momento, vista la drammatica situazione sanitaria che sta colpendo tutti i settori della nostra vita.”

Seguici e condividi