bissegger-cyclingtime

di Giuseppe Girolamo

Da svizzero a svizzero, da Stefan a Stefan. Dopo Stefan Kung nel 2021 ecco Stefan Bissegger. La prova a crono valida come campionato europeo ha visto il successo per il secondo anno consecutivo di un atleta rosso crociato.

Finale al cardiopalma – Bissegger seduto in “hot seat” a osservare gli ultimi chilometri del connazionale rivale. Kung spinge forte sui pedali. I secondi scorrono inesorabili; deve volare per riconfermarsi campione europeo. Lo sforzo di Kung e lo sguardo sgranato di Bissegger nell’osservare in TV gli ultimi metri dell’avversario. Alla fine meno di mezzo secondo separa i due connazionali. Chi gioisce e chi deve accontentarsi di un amaro argento. Nel podio premiazioni gli persi nel vuoto interpretano benissimo lo stato d’animo di Kung.

Sul terzo gradino sale Filippo Ganna. Il piemontese non doveva essere della partita, ma nei giorni precedenti la gara è stato chiamato al posto di Matteo Sobrero. Il campione del mondo non è quello dei giorni migliori e francamente il divario da Bissegger (nove secondi) è un po’ troppo, in considerazione anche del fatto della distanza di gara non eccessiva, appena 24 chilometri. Un bronzo lodevole, ma riflessioni approfondite in vista del finale di stagione è giusto farle. Il Mondiale bussa oramai alle porte e Top Ganna punta al tris “Ora la testa va al Mondiale a cronometro del 18 settembre in Australia, l’obiettivo sarà mantenere la maglia iridata sulle mie spalle”.

Di Giuseppe Girolamo

Sono siciliano, anche se sono nato (per puro caso) a Torino il 28 giugno 1973. Perchè scrivo di ciclismo? Perchè da corridore ero troppo scarso! Addetto stampa e organizzatore di eventi sportivi e culturali. Per info: giuseppegirolamo@gmail.com

10 pensiero su “La maglia di campione europeo crono resta in Svizzera”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *