cyclingtime

  • Categoria: Vuelta

Contador re della Vuelta per la terza volta. Malori vince la crono finale

contador

A dispetto dell'infortunio patito al Tour, Alberto Contador non solo si è presentato al via della Vuelta ma l'ha addirittura vinta, a tratti dominata al cospetto di campioni del calibro di Chris Froome e Alejandro Valverde, con lui sul podio finale. L'ultima tappa, una cronometro di appena 9,7 km a Santiago de la Compostela, se l'aggiudica lo specialista azzurro Adriano Malori, che lancia un bel senale in vista dei prossimi campionati del mondo della specialità. L'asfalto reso viscido dalla pioggia caduta copiosa sul percorso hanno frenato la prova dei primi della generale, che hanno concluso molto lontani dalla top-ten.

 

Cronaca. Cala il sipario sull’edizione n. 69 della massima corsa a tappe iberica. Contador matador per la terza volta in carriera su tre partecipazioni! Praticamente imbattibile il fuoriclasse madrileno che a 62 giorni dalla microfrattura alla tibia rimediato al Tour incamera il sesto GT (sarebbero otto senza la revoca di Tour 2010 e Giro 2011) in carriera; sei oppure otto cambia poco, è lui il più grande interprete dei GT dopo il 2000. Sul podio finale terminano Christopher Froome, sgangherato finché si vuole ma estremamente efficace, e Alejandro Valverde che, uscito malamente dal Tour (fallito il podio per l’ennesima volta in carriera) ha corso prima da luogotenente di lusso di Quntana, dimostrando di essere lui il migliore nella tappa di La Zubia e poi, dopo l’uscita di scena dello sfortunato colombiano per un paio di rovinose cadute, ha lottato e meritato un podio pesantissimo, dopo una stagione condotta sempre in prima linea sin dal mese di febbraio. Grande merito al nostro Fabio Aru che, venuto per fare esperienza, ha saputo confermare quanto di buono fatto vedere al Giro con due bellissime vittorie di tappa e un quinto posto finale di estremo valore. L’ultima tappa è stata rovinata dalla pioggia, che ha impedito ai big di rischiare sul percorso del famoso cammino del pellegrinaggio cristiano. La tappa è stata vinta con pieno merito da Adriano Malori (Movistar Team), campione italiano della cronometro, che ha lanciato un messaggio per il prossimo appuntamento iridato della specialità. Contro Tony Martin sarà difficile, se non impossibile duellare, ma dopo il fuoriclasse teutonico senza Fabian Cancellara al via, il nostro Malori si può giocare le sue carte per una medaglia. Il 26enne parmense ha peceduto di 8” Jesse Sergent e di 9” Rohan Dennis, che aveva fatto registrare il migliore intertempo. I primi della classifica sono finiti molto lontano: 33° Vlverde a 55”, 56° Joaquin Rodriguez a 1’08”, 63° Froome a 1’13” e 101° Contador a 1’40”. Poi spazio al podio tutto rosso per tributare la giusta ovazione ad un raggiante e felice Alberto Contador.

Classifica Finale

1. Alberto CONTADOR (Tinkoff-Saxo) in 81.25’05’’
2. Christopher FROOME (Team SKY a1’10’’
3. Alejandro VALVERDE (Movistar Team) a 1’50’’

4. Joaquin RODRIGUEZ (Team Katusha) a 3’25’’
5. Fabio ARU (Astana Pro Team) a 4’48’’
6. Samuel SANCHEZ (BMC) a 9’30’’
7. Daniel MARTIN (Garmin-Sharp) a 10’38’’
8. Warren BARGUIL (Team Ginat-Shimano) a 11’50’’
9. Damiano CARUSO (Cannondale) a12’50’’
10. Daniel NAVARRO (Cofidis)  a 13’02’’
11. Daniel MORENO (Team Katusha) a 16’44’’
12. Mikel NIEVE (Team SKY) a 19’54’’
13. Romain SICARD (Team Europcar) a 24’20’’
14. Wilco KELDERMAN (Belkin) a 25’04’’
15. Giampaolo CARUSO (Team Katusha) a 25’27’’

"Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici anche di terze parti."

"L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser." Per saperne di piu'

Approvo
Per favore dimostra di essere umano!