cyclingtime

  • Categoria: Vuelta

Degenkolb in trionfo a Cordoba. 3° Matthews

degenkolb

John Degenkolb domina lo sprint della 4^ tappa della 69^ edizione della Vuelta. Con una volata imperiosa il tedesco della Giant Shimano, batte nettamente lo spagnolo Reynes e la maglia rossa di Michael Matthews, che conserva la leadership nella generale. Ad una ventina di km dal traguardo attacco in discesa di Valverde, con altri tre, ripresi dal gruppo dei migliori dopo il cartello dei -10.

 

Cronaca. Anche dalla Spagna il tributo al grande Alfredo Martini scomparso ieri sera. Grande caldo anche oggi con temperature superiori ai 35°, la carovana si dirige verso Cordoba, Andalusia, traguardo classico della Vuelta. Quattro uomini al comando: Francisco Aramendia (Caja Rural), Jimmy Engoulvent (Europcar), Sébastien Turgot (AG2r-La Mondiale) e Gert Joeaar (Cofidis). Il punto più importante è la salita di 2^ categoria dell’Alto el Catorce per Ciento, posto ai -26. Gli uomini al comando vengono riassorbiti prima della salita, ad eccezione di Engoulvent, sul quale s riporta Txurruka. Rimescolamento i discesa con forcing di Alejandro Valverde, che in discesa vola, e porta via un drappello con Sicard, Adam Yates e Anacona. Un’autentica imboscata agli altri big, che il murciano tende con il piglio dei giorni migliori. attivo, ma il gruppo li bracca: solamente 10” ai -10. È soprattutto la Katusha a tirare e, come prevedibile, si torna tutti assieme a 9 km dal termine. Nelle prime posizioni del gruppo ci sono diverse maglie della Tinkoff-Saxo, con un Contador che dimostra di pedalare molto bene, nonostante sia al quarto giorno di corsa dopo ben 40 giorni di forzato stop alle gare per la ben nota caduta al Tour. Mihael Matthews, vittorioso ieri e maglia rossa, punta al bis e mette i suoi in testa al gruppo. Anche la Giant è presente per il suo leader Degenolb. A tentare di rovinare i piani dei velocisti ci pensa un finisseur come Adam Hansen (all’attacco anche ieri) che allunga ai -2, ma il gruppo è lanciatissimo e il danese della Lotto-Belisol viene riassorbito dopo lo striscione dell’ultimo km. Volata e davanti a tutti si erge la sagoma di John Degenkolb che con uno sprint imperiale vince nettamente. Per il tedesco è il sesto acuto in carriera alla Vuelta, dopo che nel 2012 si era imposto in ben 5 frazioni. Quest’anno è al quinto acuto di una stagione illuminata dal trionfo nella classica Gand-Wevelgem e dal 2° posto nella Parigi-Roubaix. Michael Matthews, oggi terzo, conserva le insegne del primato. Tre italiani nella top-ten: Damiano Caruso 4°, il neoprofessionista Valerio Conti 8° e Fabio Aru 10°.

"Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici anche di terze parti."

"L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser." Per saperne di piu'

Approvo
Per favore dimostra di essere umano!