cyclingtime

  • Categoria: Vuelta

Il volto della sconfitta - Colpo a vuoto di Froome: i giochi alla Vuelta sono riaperti

froome

Chris Froome non scorderà facilmente Alto de Los Machucos. La durissima salita veniva affrontata per la prima volta dalla Vuelta Espana. Un erta dalle pendenze micidiali, indigeste al quattro volte vincitore del Tour de France, costretto ad aggrapparsi al sacrificio dei compagni di squadra per non naufragare. Un encomiabile Mikel Nieve è stato l'uomo determinante, colui i quale ha permesso al leader della classifica generale di non perdere ulteriori secondi rispetto ai direti rivali.

Classifica corta - Dopo la cronometro lo strapotere di Froome aveva lasciato poco spazio alle aspettative degli altri pretendenti alla conquista della 72esima edizione della Vuelta Espana. Il britannico sembrava inattaccabile. Al termine della frazione con arrivo ad Alto de Los Machucos, invece, si deve parlare di un'altra corsa. I discorsi per la vittoria finale sono riaperti. Froome è andato in crisi nell'ultima salita, giungendo al traguardo dopo 1'46" dal vincitore di tappa Stefan Denfil.

Vincenzo Nibali guadagna sul leader della Generale. Lo Squalo dello Stretto dimostra di non aver abbandonato la contesa e anche ad Alto de Los Machucos sfodera una prestazione goliardica: stacca Froome e sul traguardo gli guadagna 42". Adesso il distacco in classifica è di 1'16".

La prima volta di Alto de Los Machucos ha lasciato il segno sul volto e sulle gambe di Froome. I giochi sono stati riaperti.

"Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici anche di terze parti."

"L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser." Per saperne di piu'

Approvo
Per favore dimostra di essere umano!