cyclingtime

  • Categoria: Vuelta

Nibali alla Vuelta: formazione dallo stampo italiano per constrastare agguerriti avversari

NibaliVincenzo Nibali, dopo il nono posto ottenuto al Giro di Polonia, punta ora alla Vuelta. Per lo "Squalo dello Stretto" non sarà facile vista l'alta qualità del parco partenti. Il ciclista messinese vuole dimenticare l'episodio spiacevole del 2015 quando fu qualificato, al termine della seconda tappa per traino, ma di certo vuol ripetere il successo ottenuto nel 2010.

Compagni - Gli otto compagni di squadra ad accompagnare Nibali nell'avventura spagnola saranno un mix di uomini capaci di pilotarlo al meglio nelle gare in pianura e accompagnarlo nella tappe in salita. Una formazione dall'impronta italiana con Giovanni Visconti, Franco Pellizotti, Valerio Agnoli, Manuele Boaro e da Anatonio Nibali, per la prima volta accanto al fratello in una grande gara a tappe. L'organico è completato da Ivan Cortina, Javier Moreno, Domen Novak.

Avversari - Per Nibali la prima insidia porta il nome di Fabio Aru. Il sardo per forza di cose, vorrà rifarsi della mancata presenza al Giro d'Italia per infortunio e del quinto posto ottenuto al Tour. Vi è poi Chris Froome. Il britannico e il siciliano poche volte si sono affrontati in maniera diretta e mai alla Vuelta Espana. Sarà uno dei protagonisti anche Alberto Contador. El Pistolero terminerà la carriera subito dopo la gara spagnola ma, di sicuro, nel corso della stessa vorrà dimostrare di essere ancora competitivo per tornare a vincere ancora un grande Giro. Warren Barguil è invece in cerca di conferme dopo un Tour corso da protagonista e qualche stagione disputata da inesistente per via di vari problemi fisici. La tanto attesa Vuelta per lui sarà un banco di prova importante, visto che ha preso la decisione di uscire dal World Tour, accasandosi, per il 2018, in una formazione Professional. Occhi puntati anche su Rafa Majka. Il polacco salito sul podio alla Vuelta di due anni fa, ha l'ultima occasione per dare una segnale concreto alla propria stagione. Ci sarà anche Romain Bardet, desideroso di voler confermare, e perchè no, migliorare il terzo posto del Tour. Tra le probabili sorprese potrebbe uscire i fratelli Yates. Adam e Simon hanno dimostrato nelle ultime uscite di essere ormai maturi al salto di qualità.

3324 km - Sono queste quindi le premesse per una Vuelta Espana che si prospetta fuoco e fiamme. Il tezo grande GT della stagione prenderà il via giorno 19 dalla Francia, da Nimes, per poi concludersi il 10 settembre a Madrid. Saranno 21 le tappe totali. La distanza totale è di 3324,1 Km.

 

"Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici anche di terze parti."

"L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser." Per saperne di piu'

Approvo
Per favore dimostra di essere umano!