cyclingtime

CURIOSITA' - Il Belgio torna in "Giallo" tre anni dopo Bakelants

Van avermaetIn Belgio il ciclismo è pari a una religione, è lo sport più seguito e praticato, è l'attività che ogni anno richiama, sulle strade delle classiche, migliaia di persone. Belga è anche il ciclista più vittorioso nella storia, il cannibale Eddy Merckx. Il giallo invece, è il colore più presente nella storia del paese: compare tra i colori della bandiera ufficiale, fa da sfondo al leone delle fiandre, e gialla, quasi dorata, è anche la birra belga, rinomata in tutto il mondo. Quando infine si pensa al ciclismo e al giallo, immediatamente la mente porta a pensare e sognare le strade del Tour de France.

Il legame tra questi tre ingredienti, grazie al belga Greg Van Avermaet, si è in questi giorni intensificato. Il ciclista della Bmc Racing Team ha infatti indossato, al termine della quinta tappa, la Maglia Gialla, tre anni dopo il connazionale Jan Bakelants. Il ciclista della Ag2r, nel 2013, anno della prima trionfo di Chris Froome, riuscì a conquistare la vittoria nella seconda frazione e indossare la maglia gialla per due giornate. Per Van Avermaet, che da giovane si era cimentato in una carriera calcistica, il coronamento di un sogno e la possibilità di conservare una delle maglie più ambite nel ciclismo per diverse tappe. Per il Belgio invece, un'altro tassello di storia che rafforza la vocazione nazionale al ciclismo e il rapporto con il giallo!

(foto letour.fr)

"Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici anche di terze parti."

"L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser." Per saperne di piu'

Approvo
Per favore dimostra di essere umano!