cyclingtime

Bardet cavalcata solitaria. Solo Nibali e Contador attaccano Froome

tour de france

Roman Bardet ha vinto la 18esima tappa del Tour de France. Il 25enne transalpino è arrivato tutto solo al traguardo, coronando col successo una lunga fuga, iniziata subito dopo il via, inizialmente con una trentina di uomini (tra questi anche l'italiano Damiano Caruso) e solitaria a 50 km dall'arrivo. La maglia gialla resta saldamente sulle spalle di Chris Froome. Ad attaccare il britannico ci hanno pensato Vincenzo Nibali e Alberto Contador, ma tutti gli attacchi sferrati sono stati rintuzzati da un ammirevole Gerain Thomas, scudiero fidato di Froome. Il tandem della Movistar formato da Nairo Quintana e Alejandro Valverde si è limitato a correre in riserva, badando a conservare la posizione in Generale.

Col du Glandon – Sulla penultima delle sette salite di giornata si infiamma la corsa. A 45 km dal traguardo - a 7 dal GPM (hour category) - scatta Contador. A 40 Km dal traguardo scatta Nibali. Al siciliano risponde prontamente Valverde e successivamente Froome e Quintana. Nibali non si arrende e rilancia l’azione. Sul messinese si riporta subito Quintana e successivamente anche Froome, guidato in maniera impeccabile da un encomiabile Thomas. Il GPM è sempre più vicino: transitano Bardet e Winner Anacona, fuggitivi della prima ora. Contador transita con una manciata di secondi di vantaggio sul gruppo formato da Froome, Nibali, Quintana. Staccato di dieci secondi Valverde. Nella successiva discesa la situazione non cambia, con Bardet in testa e il gruppo inseguitore ad una trentina di secondi. Il gruppo maglia gialla – composto da una quindicina di uomini – riprende Contador e Valverde riesce a rientrare.

Montvernier, ultima ascesa di giornata (3 km con pendenza media del 10%). Mentre Bardet continua la sua azione, nel gruppo maglia gialla parte Contador (11 km al traguardo), supportato dal compagno di squadra Rafal Majka. Ripreso il duo della Tinkoff Saxo è Nibali a tentare. Nulla di fatto! Il gruppo maglia gialla transita compatto al GPM (10 km al traguardo). Bardet è ormai imprendibile, niente è nessuno gli può sottrarre il secondo successo stagionale. Mani sul casco ed emozione a mille, Bardet taglia la linea d'arrivo e corona il suo sogno. Gli inseguitori arrivano alla spicciolata: in seconda posizione Pierre Rolland a 33". Il gruppo maglia gialla – composta da una decina di uomini - arriva compatto, con un ritardo di 3'02". Per Froome un altro passo verso Parigi.

"Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici anche di terze parti."

"L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser." Per saperne di piu'

Approvo
Per favore dimostra di essere umano!