cyclingtime

Bis di potenza di Kristoff. Domani riposo, poi i Pirenei

alexander kristoff

Il norvegese Alexander Kristoff (Katusha) vince in extremis la 15^ tappa (Talard-Nimes, 222 km) del Tour de France, con una volata travolgente che gli consente di cogliere il secondo alloro personale in questa edizione. Ripresi in piena volata i due attaccanti Jack Bauer e Martin Elmiger, risucchiati dal plotone a soli 50 metri dalla gloria. Classifica immutata con Vincenzo Nibali, che si appresta ad iniziare la terza e decisiva settimana lanciato verso il trionfo di Parigi. Domani secondo giorno di riposo, poi trittico sui Pirenei.

Cronaca. Dopo la due giorni sulle Alpi che hanno accresciuto ulteriormente la saldezza di Nibali, il Tour propone una tappa di trasferimento prima del riposo e delle tre frazioni pirenaiche. Vanno subito all’attacco Jack Bauer (Garmin-Sharp) e Martin Elmiger (IAM). Spazio alla volontà e al coraggio dei due battistrada che si sciroppano l’intera tappa all’attacco. Alle loro spalle le squadre dei velocisti controllano e poi iniziano a limare per riportarsi sotto in vista del traguardo, che rappresenta una delle ultime chance per le ruote veloci. Ma i due di testa resistono alla grande, ai -4 hanno ancora 30” di margine. Dietro Tony Martin (ovvero il miglior cronoman al mondo) si piazza in testa a mulinare sui pedali, poi i Katusha per lanciare il vincitore della Sanremo Kristoff, già vincitore di una tappa. L’ultimo km è al cardiopalmo per i due al comando che sono costretti ad anticipare lo sprint, prima Elmiger, poi Bauer si lanciano alla disperata ricerca della fettuccia d’arrivo, ma inesorabilmente vengono risucchiati negli ultimi 50 metri! Con una progressione delle sue Alexander Kristoff si piazza al centro della strada e nessuno riesce a rimontarlo. Vittoria netta del norvegese, all’undicesimo centro di una stagione favolosa che lo sta consacrando tra i più forti in gruppo. Al secondo posto Haussler, poi il solito Sagan, all’ennesimo piazzamento che, se da un lato gli permette di consolidare la leadership nella classifica a punti, dall’altro ne accresce la delusione per un successo che proprio non arriva.

Ordine d’arrivo

1. Alexander KRISTOFF (TEAM KATUSHA) in 4.56'43''
2. Heinrich HAUSSLER (IAM CYCLING)
3. Peter SAGAN (CANNONDALE)
4. André GREIPEL (LOTTO-BELISOL)
5. Mark RENSHAW (OMEGA PHARMA-QUICK STEP)
6. Bryan COQUARD (TEAM EUROPCAR)
7. Ramunas NAVARDAUSKAS (GARMIN-SHARP)
8. Romain FEILLU (BRETAGNE-SECHE ENVIRONNEMENT)
9. Michael ALBASINI (ORICA-GREENEDGE)
10. Jack BAUER (GARMIN-SHARP)

Classifica generale

1. Vincenzo NIBALI (ASTANA PRO TEAM) in 61.52'54''
2. Alejandro VALVERDE (MOVISTAR TEAM) a 4'37''
3. Romain BARDET (AG2R-LA MONDIALE) a 4'50''
4. Thibaut PINOT (FDJ.FR) a 5'06''
5. Tejay VAN GARDEREN (BMC RACING TEAM) a 5'49''
6. Jean-Christophe PÉRAUD (AG2R-LA MONDIALE) a 6'08''
7. Bauke MOLLEMA (BELKIN PRO CYCLING) a 8'33''
8. Leopold KONIG (TEAM NETAPP-ENDURA) a 9'32''
9. Laurens TEN DAM (BELKIN PRO CYCLING) a 10'01''
10. Pierre ROLLAND (TEAM EUROPCAR) a 10'48''

"Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici anche di terze parti."

"L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser." Per saperne di piu'

Approvo
Per favore dimostra di essere umano!