cyclingtime

Nibali, la lucidità del dominatore.

nibali

Vincenzo Nibali sempre più su! Con una condota di gara semplicemente perfetta per tempismo, la maglia gialla coglie il terzo alloro personale e allunga ulteriormente in classifica. Nel giorno del centenario della nascita di Gino Bartali e, purtroppo, nel diciannovesimo anniversario dalla tragica morte di Fabio Casartelli, Nibali ancora una volta davanti a tutti. Il Tour è sempre più suo, mentre crolla Richie Porte, giunto in grande ritardo (8'50").

 

 

Cronaca. Nel giorno in cui ricorre il centenario della nascita dell’immenso Gino Bartali, che proprio al Tour scrisse pagine di imperitura memoria, Vincenzo Nibali all’esame delle Alpi. L’arrivo in salita stuzzica le residue chance dei pochi rivali rimasti dopo le cadute e conseguenti ritiri che hanno tolto di scena Froome e Contador e, per ultimo, Talansky. Fasi concitate nei primi chilometri per far decollare la fuga. Si susseguono gli scatti, poi si forma il drappello con nove uomini dentro: l’ex tricolore Giovanni Visconti (Movistar), Blel Kadri (AG2r-La Mondiale), Brice Feillu (Bretagne Séché), Alessandro De Marchi (Cannondale), Bartosz Huzarski (NetApp-Endura), Daniel Oss (BMC), Kristjan Durasek (Lampre-Merida), Rudy Molard (Cofidis) e Jan Bakelants (Omega Pharma-Quick Step). Il gruppetto di testa si sgretola sulla penultima ascesa. De Marchi si isola al comando, mentre il gruppo rientra su tutti gli altri. Inizia l’ultima salita che porta a Chamrousse (18,2 km al 7,3%) e De Marchi, sempre generoso, viene ripreso ai -14. Il gruppo dei migliori si assottiglia sempre di più. A 12,8 km da termine Richie Porte molla il gruppo Nibali. Leopold Konig (NetApp) e Rafal Majka (Tinkoff-Saxo) allungano, Nibali controlla soprattutto Valverde. Scatta Valverde! Mancano 10,5 km alla conclusione. Nibali inizialmente non risponde, poi in progressione e senza alzarsi sui pedali recupera immediatamente. Prosegue la marcia dei due di testa che, però, hanno solamente 17” di vantaggio ai -8 su Nibali, Valverde, Pinot e Ten Dam; Bardet a 1’02”, Porte scivola a 2’40”. Il più interessato ad inseguire è Alejandro Valverde che, con la crisi di Porte, si porterebbe in seconda posizione nella generale. Parte Nibali! Niente da fare per Valverde e Pinot, che alzano subito bandiera bianca. In poche centinaia di metri si riporta sui due di testa (-6,2 all’arrivo) il messinese ribadisce di essere di gran lunga il più forte di questo Tour de France. Crolla letteralmente Porte, ai -5 il tasmaniano viene cronometrato con un ritardo di oltre 5’. Un black out a cui il pur bravo atleta della Sky ci ha ormai abituato nel corso delle sue esperienze nei GT. Nibal tira, ma non vuole affondare i colpi e, infatti, Majka e Konig resistono alla sua ruota. Ma è troppa la differenza e così, senza uno scatto, la maglia gialla se ne va ai -3,3 verso un nuovo trionfo personale in questo Tour che lo sta consacrando. Palesando una condizione a dir poco perfetta, Nibali vola gli ultimi km aumentando ulteriormente il margine sui primi inseguitori. Il palcoscenico è tutto per lui, sempre più padrone. Terzo sigillo personale. Saltato Richie Porte dal podio e dalla top-ten, si assottigliano gli avversari di rilevanza per il fuoriclasse sicilano, Valverde, secondo a 3'37" punterà soprattutto al mantenimento di questa posizione, insperata alla vigilia del Tour; al terzo posto la maglia bianca di Romain Bardet che precede un altro giovane transalpino, Thibaut Pinot, rivelatosi al Tour di due anni fa.

Ordine d’arrivo

1. Vincenzo NIBALI (ASTANA PRO TEAM) in 5.12'29''
2. Rafal MAJKA (TINKOFF-SAXO) a 10''
3. Leopold KONIG (TEAM NETAPP-ENDURA) a 11''
4. Alejandro VALVERDE (MOVISTAR TEAM) a 50''
5. Thibaut PINOT (FDJ.FR) a 53''
6. Tejay VAN GARDEREN (BMC RACING TEAM) a 1'23''
7. Romain BARDET (AG2R-LA MONDIALE) s.t.
8. Laurens TEN DAM  (BELKIN PRO CYCLING) a 1'36''
9. Jean-Cristophe PÉRAUD (AG2R-LA MONDIALE) a 2'09''
10. Frank SCHLECK (TREK FACTORY RACING) s.t.
11. Haimar ZUBELDIA (TREK FACTORY RACING) s.t.
12. Jurgen VAN DEN BROECK (LOTTO-BELISOL) s.t.
13.  Bauke MOLLEMA (BELKIN PRO CYCLING) s.t.
14. Pierre ROLLAND (TEAM EUROPCAR)  a 3'01''
15. Alberto RUI COSTA (LAMPRE-MERIDA) s.t.

Classifica generale

1.    Vincenzo NIBALI (ASTANA PRO TEAM) in 56.44'03''
2.    Alejandro VALVERDE (MOVISTAR TEAM) a 3'37''
3.    Romain BARDET (AG2R-LA MONDIALE)  a 4'24''
4.    Thibaut PINOT (FDJ.FR) a 4'40''
5.    Tejay VAN GARDEREN (BMC RACING TEAM) a 5'19''
6.    Jean-Cristophe PÉRAUD (AG2R-LA MONDIALE) a  6'06''
7.    Bauke MOLLEMA (BELKIN PRO CYCLING) a 6'17''
8.    Jurgen VAN DEN BROECK (LOTTO-BELISOL) a 6'27''

"Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici anche di terze parti."

"L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser." Per saperne di piu'

Approvo
Per favore dimostra di essere umano!