cyclingtime

Sui Vosgi Contador attacca, ma NIbali c'è. Tappa a Kadri

contador e nibali

Primo arrivo in salita e successo in solitaria del francese Blel Kadri (AG2r-La Mondiale), unico superstite della fuga a cinque che ha caratterizzato la tappa. Negli ultimi 30 km, Contador e i suoi prendono decisamente in mano la gara, ma per il madrileno l'allungo agli ultimi mille metri gli frutta solo 3" su Vincenzo Nibali, sempre più maglia gialla.

 

 

Cronaca. Tappa breve (161 km), ma con un finale interessante, con tre salite negli ultimi 30 km. È il primo arrivo in quota di questa edizione della Grande Boucle.  Il promotore della fuga da lontano è il sei volte campione di Francia contro il tempo Sylvain Chavanel (IAM), dopo poco più di 20 km di gara. Poi, si riporta dapprima Niki Terpstra (Omega Pharma-Quick Step) e quindi Blel Kadri (AG2r-La Mondiale), Adrein Petit (Cofidis) e il promettente britannico Simon Yates (Orica-GreenEDGE). La fuga decolla è il vantaggio lievita in pochi chilometri. Vantaggio massimo che sfiora gli 11’, mentre l’Astana di Nibali controlla tranquilla. Il piatto forte, come detto, inizia  negli ultimi 30 km con tre gpm. Si inizia con il Col de la Croix des Moinats (2^ cat. – 891 metri), un’ascesa di 7,6 km al 6%. Il primo ad accendere la miccia è proprio Chavanel, mentre in gruppo si affacciano le maglie della Tinkoff-Saxo, segno che Contador vuole fare la corsa. Il vantaggio, intanto, si dimezza. Cavanel pretende troppo da se stesso e viene ripreso e staccato da Kadri. In cima, Kadri transita da solo con 50” su Chvanel, gli altri della fuga iniziale a poco più di 1’, il gruppo a 4’32”, nel quale non c’è la maglia bianca di Michal Kwiatkowski. La pioggia caratterizza anche la tappa di oggi e la discesa non cambia la situazione in testa con Kadri lanciato a tutta che inizia tutto solo la seconda asperità, il Col de Gros Pierre (2^ cat. – 901 metri). Sono appena 3 km ma con una pendenza media del 7,5%. Nel gruppo allungato sono sempre gli uomini di Contador a condurre. Majka e Rogers sono i più attivi, poi Roche e Contador, poi la maglia gialla di Nibali e l’iridato Rui Costa. Kadri resiste in testa, nonostante la fatica attanagli le sue gambe e conquista anche questo gpm. L’ultimo chilometro presenta punte addirittura al 16%, Rogers mantiene un ritmo alto che sgretola ulteriormente il gruppo maglia gialla. Nuova picchiata sotto l’acqua prima dello strappo finale. Kadri mantiene un margine sufficiente per affrontare gli ultimi chilometri in relativa tranquillità, mentre i suoi ex compagni di fuga perdono ulteriormente terreno. Ed ecco l’erta conclusiva che porta a Gérardmer, sulla cote de Mauselaine, 1,8 km al 10,3%. Alla pioggia si aggiunge la nebbia nella discesa che precede l’ultima salita. Sempre Rogers a scandire il tempo in testa al gruppo ridotto a non più di trenta unità. Cade Talansky, vincitore del Critérium du Dauphiné. Contador scatta sotto lo striscione dell’ultimo km, ma Nibali tiene, mentre si stacca Valverde. Kadri trionfa, regalando il primo successo ai francesi. Nibali controlla lo spagnolo, che lavora molto di spalle senza riuscire a dare un metro al messinese. Negli ultimi 50 metri, forse anche meno, Nibali concede appena 3” all’iberico, che precede la maglia gialla, dopo che gli altri fuggitivi della prima ora erano stati ripresi.

Ordine d’arrivo

1. Blel KADRI (AG2R-LA MONDIALE) in  3h49'28''
2. Alberto CONTADOR (TINKOFF-SAXO) a 2'17''
3. Vincenzo NIBALI (ASTANA PRO TEAM) 2'20''
4. Richie PORTE (TEAM SKY) a 2'24''
5. Thibaut PINOT (FDJ.FR) a 2'28''
6. Jean-Cristophe PÉRAUD (AG2R-LA MONDIALE) s.t.
7. Alejandro VALVERDE (MOVISTAR TEAM) a 2'36''
8. Tejay VAN GARDEREN (BMC RACING TEAM) a 2'40''
9. Romain BARDET (AG2R-LA MONDIALE) a 2'48''
10. Sylvain CHAVANEL (IAM CYCLING) a 2'54''
11. Bauke MOLLEMA (BELKIN PRO CYCLING) a 2'55''
12. Alberto RUI COSTA (LAMPRE-MERIDA) a 3'01''
13. Mikel NIEVE (TEAM SKY) s.t.
14. Niki TERPSTRA (OMEGA PHARMA-QUICK STEP) a 3'28''
15. Brice FEILLU (BRETAGNE-SECHE ENVIRONNEMENT) a 3'33''
16. Nicolas ROCHE (TINKOFF-SAXO) s.t.
17. John GADRET (MOVISTAR TEAM) a 3'35''
18. Jurgen VAN DEN BROECK (LOTTO-BELISOL) a 3'37''
19. Pierre ROLLAND (TEAM EUROPCAR) s.t.
20. Arnold JEANNESSON (FDJ.FR) s.t.

Classifica generale

  1. Vincenzo NIBALI (ASTANA PRO TEAM) in 33h48’52”
  2. Jakob FUGLSANG (ASTANA PRO TEAM) a 1’44”
  3. Richie PORTE (TEAM SKY) a 1’58”
  4. Michal KWIATKOWSKI (OMEGA PHARMA-QUICK STEP) a 2’26”
  5. Alejandro VALVERDE (MOVISTAR TEAM) a 2’27”
  6. Alberto CONTADOR (TINKOFF-SAXO) a 2’34”
  7. Romain BARDET (AG2R-LA MONDIALE) a 2’39”
  8. Alberto RUI COSTA (LAMPRE-MERIDA) a 2’52”
  9. Bauke MOLLEMA (BELKIN PRO CYCLING) a 3’02”

10.  Jurgen VAN DEN BROECK (LOTTO-BELISOL) a 3’02”

"Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici anche di terze parti."

"L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser." Per saperne di piu'

Approvo
Per favore dimostra di essere umano!