cyclingtime

Un italiano in maglia gialla

aruFabio Aru riporta la maglia gialla in Italia. Il sardo ha chiuso in terza posizione la dodicesima tappa vinta da Roman Bardet.

Un tappa caratterizzata dall'azione di una dozzina di temerari, tra loro anche Diego Ulissi. L'italiano in maglia UAE Emirates si arrende ai primi attacchi dei compagni di avventura. Il più intrapendente e Steve Cummings. Il campione nazionale britannico cerca il suo terzo successo stagonale, ma il gruppo maglia gialla nel finale non lascia niente a nessuno e il l'azione del fuggitivo si esaurisce a otto chilometri dal traguardo.

Il finale è tutta una sorpresa. Tutti attendono la stoccata di Chris Froome, scortato per tutta la giornata dai suoi gregari. L'epilogo a 400 metri dal traguardo. Aru attacca e mette in crisi Froome. La strada ha pendenze importanti e la maglia gialla non riesce a trovare il colpo di pedale giusto. Si stacca. Alla ruota di Aru restano Bardet e Rigoberto Uran. Il campione italiano spinge, spinge forte sui pedali. Alla fine Bardet riesce a sopravenzarlo andando a conquistare il primo successo stagionale. Poi a 2" Uran e Aru. La maglia giallachiude con un ritardo di 22", tanto quanto basta per consegnare il simbolo del primato al "Cavaliere dei 4 Mori".

L'ultimo italiano a vestire la maglia gialla fu Vincenzo Nibali nel 2014. Il siciliano la indossò alla decima tappa, portandola sino al podio conclusivo dei Campi Elisi.

"Una bella soddisfazione", sono queste le prime parole di Aru a fine tappa.

"Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici anche di terze parti."

"L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser." Per saperne di piu'

Approvo
Per favore dimostra di essere umano!