cyclingtime

Fuga vincente di Nieve. Amador in rosa

nieve

Arrivano le Alpi, e la maglia rosa cambia padrone, dal lussemburghese Jungels al costaricano Andrey Amador (4° l'anno scorso al Giro), seconda punta della Movistar di Valverde. Nibali attivo sull'ultima salita, si toglie la soddisfazione di superare Valverde nella volata per il terzo posto.

Cronaca. Palmanova-Cividale del Friuli (170 km) - 13^ tappa, la prima alpina con ben 4 GPM. Nell’ordine i corridori devono superare i seguenti gran premi della montagna: km 57,5-Montemaggiore (Matajur) (8,3 km al 9,3%, max 15%); km 80,9-Crai (8,8 km al 6,4%, max 16%); km 138,5-Cima Porzus (8,8 km all’8,2%, max 16%); km 155,8-Valle (6,2 km al 7,8%, max 13%). Corsa velocissima sin dai primi chilometri, si susseguono i tentativi, in avanscoperta un gruppo folto di otre 30 elementi. L’Astana corre da padrona, con Scarponi, Fuglsang e Kangert che scremano il gruppo maglia rosa sulla salita di Cima Porzus, anche se non ci sono attacchi tra gli uomini di classifica. In vetta transita per primo Mikel Nieve, poi a 24” Visconti e Dobrowski, quindi alla spicciolata i reduci della fuga, tra cui Cunego, che lotta per la maglia azzurra; il gruppo tirato sempre dagli Astana a 2’25”. In discesa verso Valle attacca Andrey Amador. Il costaricano, spesso all’attacco n questo Giro, secondo in classifica, dimostra una condizione invidiabile, ma Nibali non ci sta e riporta sotto il gruppo. Sull’ultima salita Visconti si lancia solitario all’inseguimento del battistrada, dietro intanto si stacca Jungels, e anche Amador paga dazio. Nel gruppetto dei migliori aumenta l’andatura Chaves, poi uno scatto di Valverde e un paio di Nibali, ma in vetta sono tutti assieme. Nieve è primo sul gpm con 54” su Visconti, calato negli ultimi 3 km della salita, il gruppetto Nibali-Valverde a 1’55”, Jungels a 2’48”. Sfruttando la sua abilità in discesa, Amador rientra sugli altri uomini di classifica. Le posizioni non cambiano, Nieve conquista con pieno merito il successo di tappa, poi un amareggiato Visconti, che ha perso un’occasione per lasciare il segno, quindi il gruppo con Nibali che batte Valverde (sic!) nella volata per il terzo posto conquistando 4" di abbuono e scavalcando lo spagnolo in classifica. Jungels perde la maglia e Andrey Amador conquista la leadership, regalando la prima maglia rosa della storia al Costarica.

Tagged under: giro d'italia,

"Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici anche di terze parti."

"L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser." Per saperne di piu'

Approvo
Per favore dimostra di essere umano!