cyclingtime

Clement non si presenta all'antidoping, rischia 2 anni di sospensione

Giro d'italiaLa dodicesima tappa ha avuto un epilogo curioso: Stef Clement, sorteggiato per essere sottoposto al controllo antidoping, non si è presentato al controllo. Questo potrebbe far scattare per il 32enne portacolori della IAM una squalifica di 2 anni.

Clement ha tagliato il traguardo di Vicenza dopo diciassette minuti dal vincitore Philippe Gilbert. La frazione nella parte finale ha fatto i conti con le avverse condizioni meteo. La pioggia battente caduta nei chilometri finali di gara ha reso l'asfalto viscido, provocando diverse cadute. Una delle vittime è stato proprio Clement, che riportava una ferita al gomito e una brutta botta all'anca. Dopo l'arrivo Clement ha pensato a ripararsi dal freddo e dalla pioggia, affidandosi alle mani del medico della società per curare le ferite riportate nella caduta. Inoltre, come detto dal DS della IAM, un nugolo di persone impediva a Clement di recarsi in tempo utile per effettuare il controllo antidoping.

Anche in questo caso (come in quello avvenuto nei giorni scorsi, col cambio di ruota irregolare tra Porte e Clarke) la regola c'è e parla chiaro: se ti sottrai ad un controllo antidoping dopo gara, rischi sino a 2 anni di squalifica. Lo stesso Clement è a conoscenza di tale regola e attraverso un post pubblicato sul proprio profilo tweeter si affida alla tolleranza della commissione UCI: "Non mi sono presentato al controllo antidoping. Ho preferito ripararmi dal freddo e pulire le ferite sporche. Rischio due anni di stop. Spero nella clemenza della giuria"

"Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici anche di terze parti."

"L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser." Per saperne di piu'

Approvo
Per favore dimostra di essere umano!