cyclingtime

Il Giro lascia la Liguria "tra frondi il palpitare lontano di scaglie di mare"

Giro d'italiaPer la quarta volta nella storia la Corsa Rosa ha preso via dalla Liguria; le strade del Giro hanno sfilato accompagnate da scorci mozzafiato su questo lembo di terra incalzato dal mare e strappato ai monti.

Teatro d’ineguagliabile bellezza di imprese sportive passate e future, palcoscenico di quella Milano- Sanremo che ogni anno, nell’ aria soleggiata e frizzante di Marzo, incorona un vincitore consegnandolo alla storia del ciclismo.

Giro d'italiaEsistono luoghi nei quali, più e meglio che in altri, l’essenza più vera del ciclismo si fonde con gli elementi dando origine alla potenza lirica di immagini che, nelle attese che separano partenze ed arrivi, non ci stancheremo mai di contemplare. Frammenti fugaci dell’equilibrio perfetto tra uomo e natura generato dallo scorrere vivace del plotone sul paesaggio maestoso e statico. Esistono luoghi nei quali “il canto doloroso ed inebriante alla fatica” – come amava definirlo Candido Cannavò- di chi pedala si propaga più forte che in altri, trovando il proprio corrispettivo nella bellezza aspra e sublime degli scenari attorno. Esistono “luoghi del ciclismo” , e la Liguria ne fa indubbiamente parte. Al pari delle vette alpine. Non meno delle pietre del Nord.

Striscia di arbusti e roccia sottratti ai pendii. Margine tra terra e acqua modellato dai profili nervosi delle scogliere che si gettano a picco nel mare. Terra tenace, autentica, nobile selvaggia. Insidiosa ed affascinante. Quanto il ciclismo.

Giro d'ItaliaDa S.Lorenzo al Mare a Sanremo, da Albenga a Genova, da Rapallo a Sestri, da Chiavari a La Spezia, il fruscio del gruppo ha accompagnato il rumore del mare. Tra riviera ed entroterra, dove: “Ombra e sole s'alternano/per quelle fonde valli/che si celano al mare,/” , dove “[...] le vie lastricate/ vanno in su/[..] fra terre spaccate/ ” - Vincenzo Cardarelli, Liguria.

Chissà se anche i corridori, nella concitazione della gara, sono riusciti a scorgere “tra frondi il palpitare lontano di scaglie di mare” - Eugenio Montale.

Di certo, noi da casa, abbiamo avuto tutto il tempo per godere dei meravigliosi scenari che il ciclismo solo sa offrire.

"Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici anche di terze parti."

"L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser." Per saperne di piu'

Approvo
Per favore dimostra di essere umano!