cyclingtime

Festa doppia a Cervinia: gioiscono Nieve e Froome

nieve giro cervinia

Chris Froome non concede spazio al cuore e agli scatti del suo diretto rivale Tom Dumoulin, che sull'ultima salita del Giro, ha ripetutamente attaccato, ma è stato puntualmente stoppato dal keniano bianco. La tappa che è vissuta con una fuga da lontano. da cui è emerso Mikel Nieve, che proprio oggi ha festeggiato il proprio 34° compleanno con uno dei successi più importanti della sua carriera. Crollo verticale di Thibaut Pinot, stamane tezo nella Generale, uscito clamorosamente di scena con una cotta colossale. Domani apoteosi di Froome che, dopo 4 Tour e 1 Vuelta, si porta a casa anche il Giro entrando prepotentemente nel ristretto club della "Tripla Corona", ovvero dei grandi atleti capaci di vincere le tre massime corse a tappe del mondo.

Mitchelton-Scott eguaglia la Quickstep-Floors: 5 a 5 - La fuga di giornata premia la costanza di Mikel Nieve, per quasi tre settimane uno dei più fedeli luogotenenti di Simon Yates. Oggi via libera per l'iberico, che ha staccato il resto dei protagonisti di giornata e si è involato verso l'arrivo di Cervinia che gli ha regalato la terza vittoria parziale sulle strade italiane, dopo gli acuti nel  a Gardeccia 2011 e a Cividale del Friuli 2016. Il successo di oggi consente alla formazione della Mitchelton-Scott di raggiungere a quota cinque vittorie parziali la Quickstep. Dopo l'acuto di Esteban Chaves sull'Etna, è arrivato il tris di Simon Yates, sempre in maglia rosa (!) sul Gran Sasso, a Osimo e a Sappada e il colpo di Nieve oggi.

Il crollo di Pinot - Ieri aveva raggiunto l'agognato podio, terzo nella Generale alle spalle di Froome e Dumoulin, lanciato verso il podio di Roma, suo grande obiettivo. Ma oggi, per Thibaut Pinot si è spenta la luce. sulla penultima ascesa di giornata sul Saint Pantaleon si stacca inesorabilmente, incapace di andare avanti. Dopo le crisi di Chaves, Aru e Yates, ogi è stato il turno del francese che è stato clamorosamente respinto dalle ultime due salite di un Giro tiratissimo.

Dumoulin 1-2-3-4-5, Froome imbattibile - Gli ultimi chilometri per tentare il tutto per tutto, per inseguire un sogno: rivincere il Giro dodici mesi dopo il trionfo dello scorso anno. Tom Dumoulin le ha provate sulla strada verso Cervinia, attaccando cinque volte! ma sempre, inesorabile un omino ossuto in rosa ha spento i suoi attacchi, dettati più dalla voglia di tentare che dall'effettiva forza rimasta in corpo. Nel finale ci prova Carapaz, nel tentativo di riprendersi la maglia bianca distante 47", ma il detentore, Miguel Angel Lopez, è stato perfetto nello stoppare il tentativo del sorprendente ecuadoregno.

Domani l'apoteosi a Roma - Manca veramente poco ormai per incoronare Chris Froome domani nella città eterna. Al suo fianco ci saranno Dumoulin e Lopez; Pozzovivo 5° è il primo degli italiani.

Tagged under: Mikel Nieve,

CYCLINGTIME.IT

Edito da GMedia Srls
Registrata presso il Tribunale di Messina con provvedimento n° 13/2011 del 05/12/2011.
Partita IVA: 03352900835

"Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici anche di terze parti."

"L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser." Per saperne di piu'

Approvo
Per favore dimostra di essere umano!