cyclingtime

Nel nome di Gino - Il Comitato pro Palestina contesta la partenza del Giro da Israele

BartaliIl Giro d'Italia del 2018 entrerà nella storia come il primo dei tre grandi Giri ad uscire fuori dai confini europei, con la partenza da Gerusalemme. Un motivo di orgoglio e di soddisfazione per gli organiozzatori, i quali hanno deciso di dedicare la partenza a Gino Bartali, insignito nel 2013 con la onoreficanza di Giusto tra le Nazione dallo Yad Vashem, il memoriale ufficiale israeliano delle vittime dell'olocausto. La nomina è un riconoscimento per i non-ebrei che hanno rischiato la vita per salvare  quella anche di un solo ebreo durante le persecuzioni.

Pedalata di protesta - "Gino Bartali non sarebbe d'accordo", con questo slogan il comitato pro Palestina dissente dalla decisione degli organizzatori della corsa rosa. Per far sentire ancora di più la propria voce il comitato ha organizzato per sabato prossimo una pedalata da piazza della Signoria fino alla sede del museo Bartali a Ponte a Ema per dire no alla partenza del giro d'Italia da Israele. "A Gerusalemme hanno ricordato la figura di Gino Bartali, che il 10 ottobre 2013 venne insignito del titolo "Giusto fra le Nazioni". Ma Israele usa il nome di Gino per pulire la sua immagine di stato d'apartheid, per nascondere le sue politiche criminali contro il popolo palestinese e per promuovere il 'Brand Israel'. Gino non sarebbe dalla parte degli oppressori (Israele) ma dalla parte degli oppressi (I Palestinesi). Egli ha salvato i perseguitati, non i persecutori", si legge in una nota in cui si dà notizia della pedalata.

Tagged under: gino bartali,

CYCLINGTIME.IT

Supplemento di messina7.it
Agenzia di Stampa a carattere provinciale edito da GMedia Srls
Registrata presso il Tribunale di Messina con provvedimento n° 13/2011 del 05/12/2011.
Partita IVA: 03352900835

"Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici anche di terze parti."

"L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser." Per saperne di piu'

Approvo
Per favore dimostra di essere umano!