cyclingtime

Ciclomercato - Analisi sulle trattative italiane

ciclomercato

Iniziamo dalla squadra campione d’Italia, la Androni Sidermec. La compagine di Gianni Savio perde il gioiello Egan Bernal, approdato alla corazzata Sky; ma sorride per un gradito ritorno, quello di Manuel Belletti. L'emiliano romagnolo fa “ritorno a casa” dopo aver girovagato per diversi anni, vestendo le maglie di diverse società, ultima in ordine di tempo la Wilier Selle Italia. Oltre a Belletti la Androni Sidermec accoglie il venticinquenne Luca Chirico, proveniente dalla squadra turca Torku Sekerspor, inserita nelle liste UCI Continental.

La Bardiani CSF, riparte dal progetto sui giovani, dopo il licenziamento di Stefano Pirazzi e Nicola Ruffoni per la spiacevole vicenda sul doping: I due colpi della squadra di Bruno Reverberi sono Manuel Senni (proveniente dalla BMC) e Andrea Guardini (dalla UAE-Emirates). I due nuovi arrivati porteranno con loro l’esperienza delle corse World Tour, utile a formare i giovani talenti. Tra i nuovi arrivati dal mondo dilettantistico ci sono i due Colpack Giovanni Carboni e Umberto Orsini. E’ stato tesserato, anche grazie al ritiro collegiale fatto a febbraio, il diciannovenne del Gruppo Sportivo Maltinti Daniel Savini, che aveva esordito tra i pro con la nazionale sperimentale al GP di Lanciano e alla settimana di Coppi e Bartali.

Salutano la Bardiani CSF Edoardo Zardini e Simone Velasco, passati alla Wilier Triestina. La franchigia del team manager Angelo Citracca ha piazzato un buon colpo prelevando dalla Trek Segafredo Marco Coledan. Dall’Androni Sidermec arriva Luca Pacioni. Non solo corridori d’esperienza alla corte di Luca Scinto ma anche giovani, tre saranno gli esordienti: Simone Bevilacqua della Zalf Euromobil; Luca Raggio della Viris Maserati e Massimo Rosa della Hopplà Petroli Firenze, fratello minore di Diego Rosa.

La Nippo Fantini De Rosa mantiene lo zoccolo duro, aggiungendo all'organico giovani interessanti come i fratelli Damiano e Imerio Cima, entrambi in arrivo dalla Viris Maserati e Marco Tizza, in arrivo dalla squadra Europa Ovini. Iuri Filosi, lascia la formazione capitanata da Damiano Cunego per approdare alla francese Delko Marseille, affiancando così l’altro italiano Mauro Finetto. Tra chi corre in squadre straniere c'è anche Andrea Pasqualon. Il 29enne di Bassano del Grappa al suo primo anno nella Wanty Group Gobert ha centrato il successo nella Coppa Sabatini, meritandosi ilrinnovo delcontratto sino al 2019.

Tra quelli in cerca di riscatto ci sarà Kristian Sbaragli. Il toscano dopo un 2017 non proprio esaltante, tra le fila della Dimension Data, nel 2018 difenderà i colori della Israel Cycling Academy.

Tra quelli rimasti al palo salta all'occhio il nome di Marco Zamparella. Il pisano dopo lo strepitoso successo ottenuto al Memorial Pantani avrebbe meritato un'opportunità. Il fatto di non esserre stato preso in considerazione denota come il ciclismo italiano non privilegi la meritoracrazia, puntando per la scelta dei corridori, su agltri fattori.

Tagged under: ciclomercato,

"Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici anche di terze parti."

"L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser." Per saperne di piu'

Approvo
Per favore dimostra di essere umano!