cyclingtime

Dall'Argentina alla Classicissima: Gaviria lancia il primo segnale

Gaviria

Dall’Argentina alla… classicissima. Per il quarto anno consecutivo la stagione di Fernando Gaviria è partita dall’Argentina. E per il quarto anno consecutivo il formidabile sprinter colombiano ha vinto in Sudamerica. Il primo sprint alla Vuelta a San Juan 2018 infatti ha visto la netta supremazia del velocista della Quick Step Floors, che ha letteralmente asfaltato tutti, lasciando ben quattro italiani alle sue spalle (Bonifazio, Pelucchi, Nizzolo e Belletti).

Argentina beneaugurante – Il Paese sudamericano porta bene a Gaviria che, ricordiamo, da stagista nel 2015 (appena ventenne…) si aggiudicò due sprint al Tour de San Luis, al cospetto di un certo Mark Cavendish. Passato professionista nel 2016, il colombiano si è ripetuto al San Luis (1 tappa) , mentre l’anno scorso ha vinto due tappe alla Vuelta a San Juan.

L’anno buono per la classicissima? - La Milano-Sanremo è lontana, ma già le ruote veloci hanno affilato le lame: dall’Australia, Greipel, Viviani, Ewan e, soprattutto, Sagan hanno lanciato i primi segnali; adesso dal Sudamerica è la volta di Gaviria. El Misil sogna la Classicissima di primavera (ricordate la caduta in volata nel 2016?) e farà di tutto per essere al top il prossimo 17 marzo. In volata è tra i migliori al mondo, ma convincono anche le sue doti di fondo (vedi Parigi-Tours 2016) per una corsa che seppur facile dal punto di vista altimetrico misura pur sempre quasi 300 km. Per adesso l’appuntamento è ancora lontano, ma intanto chi vuole sfrecciare vincente in via Roma deve cerchiare il nome del missile sudamericano.

"Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici anche di terze parti."

"L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser." Per saperne di piu'

Approvo
Per favore dimostra di essere umano!