Home / Professionisti / Fratture e polemiche: i ciclisti chiedono più sicurezza
Hodeg Deceuninck

Fratture e polemiche: i ciclisti chiedono più sicurezza

Tutto nasce dalla caduta di Alvaro Hodeg avvenuta nelle fasi finali dell’Eurometropole Tour. Il portacolori della Deceuninck Quick Step è finito a terra a causa dei piedini sporgenti delle transenne. Per il velocista colombiano stagione conclusa: frattura dell’avambraccio sinistro, frattura della spalla destra e frattura di due costole.

Polemiche – Più volte è stato posto dai ciclisti il problema delle transenne poche sicure. Jacopo Guarnieri sul proprio profilo Twitter non le manda a dire, rivolgendosi ai vertici dell’Unione Ciclistica Internazionale: “Invece di squalificare gente che fa rulli e misurare i calzini la nostra federazione ha intenzione di fare qualcosa per la nostra sicurezza in corsa? Come possono esserci ancora cadute come quella di Alvaro Hodeg all’Eurometropole?“. Guarnieri focalizza l’attenzione anche sulle categorie minori: “Le transenne coi piedini sporgenti nemmeno nelle corse dei giovanissimi devono esistere. Noi professionisti, se escludiamo poche corse, le ritroviamo ad ogni occasione“.

Jacopo Guarnieri

Condivisione – Il monito lanciato da Guarnieri è stato condiviso da molti suoi colleghi, ma anche da tantissimi praticanti e tifosi, segno, questo, che il problema della sicurezza è quanto mai attuale e che ancora tanta strada deve essere fatta sul tema della sicurezza.

Seguici e condividi