cavendish-cyclingtime

di Ettore Ferrari

Una volata semplicemente sontuosa, quella che ha sfoderato Mark Cavendish nella seconda tappa dell’UAE Tour. Il fuoriclasse britannico è partito al centro ed ha resistito al ritorno degli altri velocisti. Per Cannonball è la vittoria n. 158 in carriera.

Philipsen mantiene la leadership – Come nel roimo giorno di gara, Anche la seconda frazione la frazione (Hudayriyat Island – Abu Dhabi Breakwater – 176 km), è priva di ogni difficoltà altimetrica e si sviluppa attorno ad Abu Dhabi. Scontata la conclusione in volata con Michael Morkov, veterano apripista (36 anni) a condurre per Cavendish. Ma il danese si sposta presto, in quanto non ha l’ex iridato a ruota. Poco male, perché Cavendish da quel super campione della velocità qual è parte come una scheggia al centro del rettilineo. Philipsen risponde, rimonta sulla destra, ma non riesce a superare lo scatenato alfiere della Quick-Step Alpha Vinyl. Una vittoria voluta, fortissimamente voluta dal campione classe 1985. Per Cannonball si tratta della seconda vittoria stagionale, dopo la seconda tappa al Tour of Oman. Terzo posto per Pascal Ackermann, buon sesto Matteo Malucelli, primo degli italiani.

Di Ettore Ferrari

Sono nato a Catania il 14 aprile 1971. In redazione dicono sempre che sono troppo preciso, da qui il nomignolo "nessun capello fuori posto". Sono la "Memoria storica" del ciclismo.