Home / Professionisti / Bernal non fa sconti e rafforza il primato

Bernal non fa sconti e rafforza il primato

Egan Bernal fa sul serio e con la maglia oro sulle spalle (conquistata ieri) domina la settima tappa Unterterzen-San Gottardo (216,6 km) del Tour de Suisse, giungendo solitario al traguardo. Il colombiano lancia un segnale forte in vista del prossimo Tour de France dove, complice la forzata assenza del leader carismatico Chris Froome e con un Geraint Thomas acciaccato dalla caduta dell’altro giorno, lo vede sempre più scalare posizioni nella gerarchia del Team Ineos.

Cronaca – L’arrivo in salita (12,4 km al 7,1%) sulla vetta alpina (affrontata dal versante della Tremola, con i suoi tornanti in pavé) si è deciso ai -3, allorché Bernal ha acceso il gas e non ha lasciato scampo agli avversari. Il sudamericano, vincitore quest’anno della Parigi-Nizza, ha raggiunto Enric Mas (scattato poco prima) e lo ha lasciato sui pedali, per involarsi da solo concludendo trionfalmente con 23” sul tandem della Bahrain-Merida formato da un generoso e mai domo Domenico Pozzovivo e dal sorprendente a queste latitudini Rohan Dennis. Più staccati, sono giunti Patrick Konrad, Jan Hirt e Tiesj Benoot, che hanno chiuso con un distacco di 34”, quindi a 40” Enric Mas (secondo alla Vuelta 2018). In crescita Fabio Aru, decimo a 1’03” e per il quale la partecipazione alla Grande Boucle non è un miraggio. Per effetto di questo netto successo, Bernal aumenta il margine in classifica e adesso comanda con 41″ su Dennis, 1’13” su Konrad e 1’17” su Pozzovivo; ottavo Aru a 2’20”.

Seguici e condividi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*