Home / Professionisti / Aru a fari spenti “Per adesso non voglio pormi obiettivi”
Aru_cyclingtime

Aru a fari spenti “Per adesso non voglio pormi obiettivi”

La UAE Emirates ha iniziato da Benidorm la preparazione delle nuova stagione. E’ tempo di allenamenti e pianificazione, stilato, infatti il programma gare dei capitani, con Fabio Aru chiamato alla stagione del rilancio, per lui nel 2020 ci sarà la partecipazione al Tour de France a scapito del Giro d’Italia. Per il “Cavaliere dei quattro mori” sarà la quarta volta alla Grande Boucle, con la prospettiva di migliorare l’anonimo 14esimo posto finale del 2019: “Per adesso non voglio pormi obiettivi particolari, perché non avrebbe senso“.

Sembra lontanissimo l’ultimo successo in carriera nella quinta tappa del Tour de France 2017, quello con arrivo a La Planche des Belles Filles. Quell’edizione della gara francese vide il 29enne sardo grande protagonista con il quinto posto finale. Sembrava essere tornato l’Aru dei bei tempi, capace di volare in salita come quando seppe conquistare la Vuelta a Espana 2015. Lo storia però dice altro: gli ultimi due anni assomigliano a un calvario, con continui infortuni. Aru ha perso lo smalto dei giorni migliori, non riuscendo più a essere competitivo: “In questi due anni non mi sono mai sentito forte come lo sono stato prima. Molta gente ha parlato senza sapere le mie reali condizioni, ma i malanni fisici di questi due anni sono stati davvero tanti“.

Seguici e condividi