Home / Grandi giri / Giro d'Italia / A San Martino di Castrozza il più deluso è Vendrame
Vendrame androni sidermec

A San Martino di Castrozza il più deluso è Vendrame

La 19esima tappa del Giro d’Italia ha visto vittorioso sul traguardo di San Martino di Castrozza il colombiano Esteban Chaves. Il portacolori della Mitchelton Scott nella salita finale ha staccato tutti i compagni di fuga, dimostrandosi il più forte. Nessuno ha potuto resistere agli attacchi del sud americano, nessuno tranne uno Andrea Vendrame. Il 24enne di Conegliano sembrava il più pimpante tra gli antagonisti di Chaves. L’alfiere della Androni Sidermec era sempre pronto a ribattere colpo su colpo agli scatti dell’avversario, ma la sfortuna ci ha messo lo zampino: Vendrame era vittima di due diversi inconvenienti meccanici, proprio nei momenti decisivi delle fasi finali, questo gli impediva di competere al meglio per la vittoria di tappa. Alla fine il dorsale numero 28 tagliava il traguardo con 10″ di ritardo dal vincitore. Un secondo posto amaro. La delusione si legge sul suo volto. L’occasione di una vita persa per banali incidenti meccanici. Questo è il ciclismo, e Andrea questo lo sa bene. Adesso bisogna metabolizzare al più presto la delusione, mettersi a pedalare ancora con più grinta e dedizione, ripensando a quello che poteva essere e non è stato, pronto a riprendersi ciò che gli sfuggito davvero per poco. Questo è il ciclismo!

Al terzo anno da professionista, Vendrame si è segnalo in questa stagione come uno dei giovani più promettenti. Tre vittorie all’attivo, due nel 2019: la quarta tappa del Circuit de la Sarthe e la Tro-Bro Leon, diventando il primo italiano ad aggiudicarsi la gara francese. Per questo motivo Vendrame è già uno degli atleti al centro di trattative di ciclomercato. Molte formazioni World Tour hanno messo gli occhi addosso al gioiellino della formazione piemontese. Al termine della corsa rosa saranno in molti a bussare alla porta di casa Savio per accaparrarsi il ciclista veneto.

Seguici e condividi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.